Come indicizzare un sito su Google, in meno di 24 ore

Indicizzare un Sito Web

Per indicizzare il propio sito molte persone usano uno strumento molto inutile (o quasi) cioè quello di utilizzare  la pagina : Aggiungi il tuo URL all’indice di Google“.

Mentre esistono 2 strumenti molto più efficaci:

1. Tramite gli Strumenti per i Webmaster di Google: vai nel menu Diagnostica -> Visualizza come Googlebot (se usi la versione inglese, Diagnostics -> Fetch As Googlebot), e inserisci gli URL che vuoi sottoporre a Google; puoi scegliere se far indicizzare il singolo URL o l’URL e tutte le pagine ad esso collegate.

2. Tramite il form presente alla pagina “Esegui scansione dell’URL“: in questo caso non è necessario essere loggati nei Webmaster Tools, e pertanto è possibile inviare al Googlebot anche siti o pagine di terze parti.

Fonte: tagliaerbe

Loghi gratis di famosi marchi

http://www.creative-ispiration.com/wp-content/uploads/2010/04/marchi-famosi-in-vettoriale.jpg
Vi è mai venuto il desiderio di scaricare gratis loghi vettoriali di marchi famosi come cocacola, audi, ferrari ecc…? Bene oggi vi propongo una serie (più di 2.900) di loghi vettoriali da scaricare gratis  in .ai (estensione di illustrator).

DOWNLOAD LOGHI GRATIS VETTORIALI

I colori di un sito web…non semplici dettagli

Scegliere combinazioni di colori per un sito web è un compito che apparentemente può sembrare secondario ma che in realtà se curato in ogni suo particolare quindi reso piacevole all’ occhio può intrattenere  utenti, però è pur sempre difficile per chi non conosce i fondamenti della grafica o del Web Design. Fortunatamente esistono alcuni software che ti possono aiutare a scegliere e combinare i colori che userai per creare il tuo sito web in modo armonico. In questa guida ho raccolto tutti i programmi e servizi che ti possono aiutare a individuare, scegliere e combinare i colori anche se non sei un esperto di Web Design.

Continua a leggere…

combinazioni-di-colori.gif

Facebook: Come Ottimizzare al Meglio la Tua Fan Page in 20 Minuti


Ti sei mai chiesto  alcuni utenti che hanno una fan page su facebook, che trattano la stessa nicchia, che publicano contenuti simili e che non pagano per publicizzare la loro fan page hanno numero di fan diversi? e quando dico diversi non  intendo 5- 6 fan in  ma a volte centinaia di fan in più, bein questo caso devi porre attenzione hai dettagli che possono sembrare banali ma che se trattati bene possono portare le persone a cliccare sul “Mi piace”.

Segui i semplici consigli di Francesco Gavello…

La Guida A Google Panda: Parte 5 – Il Dilemma Di AdSense

Ecco la parte 5 della guida di Robin Good per masternewmedia:

Ehi editore AdSense, sei veramente pronto per Google Panda? Sono passati ormai quasi quattro mesi da quando Panda, il nuovo filtro di Google che controlla la qualità dei contenuti, ha colpito il Web, facendo chiudere centinaia di siti con l’intento di dare più spazio ai contenuti che siano davvero di qualità. Non a siti web creati e gestiti esclusivamente con l’intenzione di fare soldi con la pubblicità.

guida-google-panda-adsense-dilemma-id55203421.jpg
Photo credit: Vlue – iStockphoto

È giunto per me il momento di fornire qualche consiglio e raccomandazione, specialmente a chi teme di essere colpito dall’algoritmo Panda, ma non sa ancora con certezza cosa sia meglio fare.

Continua a leggere su masternewmedia…

Se te le sei perse, ecco le parti precedenti di questa Guida:

La Guida A Google Panda – Parte 1: Cosa È, Come Funziona, Danni Collaterali

La Guida A Google Panda – Parte 2: Il Nuovo Algoritmo Che Autoapprende E Come Approcciarlo

La Guida A Google Panda – Parte 3: Cosa Cercare, Cosa Pulire

La Guida A Google Panda: Parte 4 – Il Futuro Che Vorrei

La Guida A Google Panda: Parte 4 – Il Futuro Che Vorrei

Ecco la parte 4 della guida su Google panda Di Robin Good su masternewmedia

 

Quando ho iniziato a realizzare che le conseguenze di Google Panda su MasterNewMedia erano destinate a durare per parecchio tempo, ho deciso di smettere del tutto di preoccuparmi di Google ed ho iniziato a spendere il mio tempo e le mie energie per ciò che ritengo più importante: lettori e fans. Mi sono anche chiesto se non potesse esserci un modo, magari in futuro, di sfuggire a questa apparente morsa di Google senza essere allo stesso tempo una vittima della propria virtù.

guida-google-panda-futuro-visione-id1809471-000009270022XSmall-2.jpg
Photo credit: Eric Isselée ed Adisa – iStockphoto, Andres Rodriguez

Google Panda, il nuovo algoritmo di Google progettato per eliminare i siti con contenuti “scarsi” dai risultati di ricerca di Google, è stato una disastrosa avventura per molte centinaia di legittimi editori online, molti dei quali non meritavano affatto di vedersi spazzati via dai risultati di ricerca da Google, inavvertitamente colpiti da questo nuovo algoritmo di posizionamento nelle ricerche che tanto ha da farsi perdonare.

In nome di una crociata contro i siti di bassa qualità, costruiti ed automatizzati in molti casi solo per monetizzare gli annunci di Google AdSense, centinaia di siti web di qualità sono stati sbattuti fuori dai risultati di ricerca di Google e rimpiazzati in alcuni – non così rari – casi, proprio da quegli stessi siti dai contenuti “scarsi” che Panda doveva servire a punire.

Questa non è mica una novità. Per chi è da tempo un editore online, l’idea che Google abbia delle regole segrete e che queste siano continuatamente modificate e migliorate, non è nulla di nuovo. Ma Google Panda ha dato il via ad una nuova era e, almeno dal mio punto di vista, è il cambiamento più imponente e profondo che Google abbia fatto nel modo in cui organizza e classifica le informazioni all’interno delle pagine dei suoi risultati di ricerca.

Sfortunatamente, in molti casi, i risultati non sono stati proprio quelli attesi.

Il problema principale, che Panda ha solo aiutato ad esacerbare nuovamente, è infatti un problema ben noto che esiste da molto tempo. L’unica differenza è che, adesso, dopo-Panda, probabilmente ci sono più persone che se ne sono accorte.

Anche se tutto il traffico dovesse magicamente riapparire ed i miei introiti persi ricominciassero a riaffiorare, il problema di fondo rimarrebbe sempre lì. Per due motivi:

1) È sempre più difficile avere fiducia in Google e vederlo come un alleato fedele. Specialmente se non sei una grande azienda. Google dovrebbe essere più diretto e trasparente su come classifica i risultati, specialmente quando decide di cambiare così drasticamente tali criteri e meccanismi.

2) Google è diventato un servizio di uso comune, che dice a milioni di persone cosa è importante e cosa guardare quando si esprime una richiesta tramite una ricerca. Per tale motivo, fornisce un servizio molto importante e decisivo alla comunità globale, che ha sempre più necessità di trovare in maniera rapida ed efficiente le informazioni di cui ha bisogno. Noi, in quanto utenti, dovremmo capire che è giunto il momento di prendere il controllo di questo importante meccanismo, invece di affidarci esclusivamente ad algoritmi segreti.

Questo è il motivo per cui ho deciso di proporre una piccola, magari utopistica idea, ma che possa servire a:

a) Indicare una nuova possibile direzione.

b) Proporre qualcosa che sia tecnicamente fattibile.

c) Mettere in discussione ciò che diamo troppo per scontato.

d) Seguire le tendenze che abbiamo visto all’opera in altri settori: dall’accentramento alla distribuzione; dalla segretezza degli esperti che guardano dall’alto in basso ad una partecipazione distribuita, aperta e cooperativa.

Questo è il futuro della ricerca online. O almeno, ciò che vorrei accadesse. Continua a leggere su masternewmedia…

Il Nuovo Tipo Di Internet Service Provider: Distribuito, Veloce, A Basso Costo

Stufo della qualità del servizio Internet che hai a casa o in ufficio? Un nuovo tipo di abbonamento e servizio per accedere ad Internet ovunque ed ai servizi di telefonia a basso costo VoIP, promette di rivoluzionare in positivo la gamma di opzioni disponibili all’utente, con un notevole beneficio sia nei prezzi (più bassi) che nella qualità (banda disponibile, velocità di accesso) del servizio.

noinet-nuovo-internet-service-provider-distribuito-veloce-a-basso-costo.jpg


La Filosofia del Progetto: Cos’è, Come Funziona, Come Può Crescere


I Vantaggi di NOINet

I Prezzi per i Privati e le Imprese

Velocità di Banda e Legalità del Servizio


La Mappa degli Utenti NOINet


La mappa navigabile interattiva con gli utenti che aderiscono al progetto NOINet. Usala per verificare la copertura e la diffusione del servizio nella tua zona di residenza.

 
Leggi l’ articolo completo e vedi altri video…

Come identificare la tua nicchia, guida pratica di Robin Good

come-identificare-la-tua-nicchia-guida-pratica-strategia-passi.jpg

Ecco i consigli di Robin su come identificare la tua nicchia:

  1. Individua la tua nicchia che TI PIACE usando google
  2. Descrivi Correttamente la Tua Nicchia Usando Google Statistiche di Ricerca
  3. Descrivi Correttamente la Tua Nicchia Usando Google Statistiche di Ricerca
  4. Analizza i Tuoi Potenziali Concorrenti Cercandoli su Google.it

Continua a leggere l’ articolo e guarda i video ricapitolativi e su perchè è importante identificare la tua nicchia su Masternewmedia di Robin Good…

Chi sarà il re dei Social Network ?vota Julius design

Come saprete lo scorso mese Julius design è stato invitato dalla Rai a partecipare al nuovo programma Social King, il primo esperimento in tv di divulgazione web, che fa interagire social network e televisione. Con grande successo julius ha raggiunto le semifinali che si svolgeranno il 18 e il 19 giugno su rai 2 alle 9:20

 

All’inizio della puntata del 18 Giugno, sulla pagina ufficiale di Social King verrà inserita tra le NOTE, una pagina dedicata a me con una descrizione.

Per votare con un mi piace bisogna diventare prima Fan di Social King e poi sabato 18 mattina durante la diretta votare JuliusDesign.

In oltre julius cercherà di ringraziare con nome e cognome tutti quelli k l’ hanno votato, miraccomando votate!!

Per maggiori informazioni sullo svolgimento delle puntate vai su juliusdesign.net

<iframe width=”425″ height=”349″ src=”http://www.youtube.com/embed/EXu48J7W2D4″ frameborder=”0″ allowfullscreen></iframe>

Google rende visibili i click su i siti e sugli annunci Adsens

SearchEngineLand ha evidenziato stamane l’ultima innovazione di Google: si tratterebbe di un piccolo esperimento, per effetto del quale sotto gli annunci Adsense presenti nelle pagine di Google.com sono visibili i click totalizzati da quell’advertiser.

Ma questa funzione non è presente in tutti gli annunci!

Continua a leggere l’ articolo su seoblog.giorgiotave.it…